Le campagne elettorali sono da sempre l’argomento prediletto per chi, come me, si occupa, anche, dello studio e della realizzazione di efficaci strategie di comunicazione politica.

Questo argomento, incontra spesso, elementi di marketing  dove l’elezione di un Candidato in una posizione strategicamente influente, dipende esclusivamente dal suo modo e modi di agire e comunicare.

Il linguaggio politico e gli strumenti utilizzati in una campagna elettorale, servono a decodificare con chiarezza magnetica, i propri pensieri o idee, nel modo più facile e svelto possibile, veicolando capacità e conoscenza.

Ora spiegatemi, professionalmente parlando, il senso di questo manifesto elettorale.

Oltre ad un piacevole sorriso…

Oltre al protagonismo assoluto del candidato (con la c minuscola)…

Oltre al piacevole lato B della modella…

Oltre a tutto questo, cosa rimane?

Attenzione, Comunicare in campagna elettorale, nel modo più facile e svelto possibile, non vuol dire fare come Turrini,  che ha pensato male nell’impostare il manifesto elettorale per promuovere la sua campagna elettorale del 5 giugno prossimo, a Bologna.

Postare sulla sua pagina facebook il lato b di una modella, e accanto il messaggio elettorale: “Elezioni amministrative del 5 giugno, scrivi Turrini” è stata davvero una pessima idea.

“La foto è servita per attirare la tua attenzione – scrive infatti Turrini, accanto all’immagine che ritrae la modella di spalle – altrimenti non l’avresti mai letto”. ( fonte  ilfattoquotidiano.it,10 maggio 2016).

A  mio avviso  il manifesto elettorale, di cui l’immagine in foto, rappresenta solo ed esclusivamente uno schiaffo  gratuito alla comune intelligenza di terzo millennio.

Herbert Marshall McLuhan e la  sua interpretazione innovativa degli effetti prodotti dalla comunicazione, non sbagliava affatto, quando parlava di mezzo tecnologico che determina i caratteri strutturali della comunicazione, che produce effetti pervasivi sull’immaginario collettivo, indipendentemente dai contenuti dell’informazione. Perché se decido di utilizzare il mezzo tecnologico per veicolare “chiappe”,  poi non mi devo lamentare se vengo deriso e preso in giro da tutto il “mondo”.

Il detto, “nel bene e nel male purchè se ne parli” che troppi, ancora, ritengono fondante, anche nella  mia terra, è una vera e propria “stronzata” (perdonatemi  il termine), da non prendere affatto in considerazione, neanche per giustificare palesi Errori di strategie.

I nuovi strumenti del comunicare, trasmettono [identici effetti : identiche cause veicolate].

Se penso male comunico male. Se penso bene comunico bene.  Mai come oggi “il medium è il messaggio”.

Le Scienze della Comunicazione (comprendendo dunque sociologia, psicologia sociale, antropologia, semiotica e massmediologia) e le scienze politiche,  danno vita alla Comunicazione Politica.

L’incontro di queste due discipline indica una pratica comunicativa che pone in relazione  politici e cittadini.

E’ la Comunicazione Politica, che influenza, soprattutto in campagna elettorale, l’opinione dei cittadini nei confronti di un partito o di un candidato politico.

Il successo o l’insucceso, nella ricerca del consenso  elettorale, dipende dal rapporto che si instaura con i cittadini, attraverso l’uso dei “mass media” e soprattutto  della RETE. Altresì, dipende dal modo di impostare le campagne elettorali,  e i Manifesti, oltre all’uso studiato di un determinato Linguaggio Politico nei cossiddetti momenti delle verità: il public speaking.

Viviamo Tempi Moderni, che pretendono, oserei dire impongono, professionalità al limite della perfezione, che sappiamo non esistere. Ma viviamo Tempi Moderni!

Per la prossima campagna elettorale, consiglio al  “Turrini” di turno, di concedersi  il lusso di affidarsi a qualche esperto del settore, tipo un image maker o coordinatore di campagne elettorali.

Ricordati candidato, chiunque tu sia, di farti “guidare” all’interno di questo labirinto chiamato  villaggio glocale.

George Orwell, nel  lontano 1945, pubblicò un saggio sulla lingua della politica “Politics and the Englis Language”  ricco di stimolanti riflessioni  che ancor oggi risultano di grande attualità. Anche Umberto Eco, si è dedicato all’argomento in tempi più recenti.

La Comunicazione Politica,  non crea delle novità, semplicemente suscita delle novità.

“L’identità” di un  Candidato (con la c maiuscola) per quando  plasmabile o modificabile, non potrà mai essere stravolta, radicalmente mutata.

Chi decide di presentarsi in politica ed affrontare una campagna elettorale, chiedendo voti per la propria persona,  si deve ricordare  di essere “inchiodato” di fronte ad uno specchio.

Caro candidato: Sei lo spettatore di Te stesso, in una stasi fisica e mentale apparente, perché Tu non te ne Accorgi, ma la tua “identità” viaggia veloce più della luce, in una comunità GloCale, in cui tutti siamo interconnessi, all’interno di uno spazio armonioso e omogeneo, dove però, i tuoi sensi, le tue affermazioni, i tuoi modi e pensieri di agire,  sono estesi a Tutti, e se commetti degli errori sei OUT!

Per saperne di più Contattami!

Dr.Mag.Riziero Di Pietro

Info Preventivi Consulenza Marketing & Comunicazione

STUDIO START COMUNICAZIONI

Campobasso, Corso Bucci 27 (ed. grattacielo, a pochi metri dal municipio)

Tel. e Fax 0874 97.99.22

mobile 338 74.46.648

info@studiostartcomunicazioni.it